La “Coppa Emilia” dei dialetti, a Busseto, il 15 febbraio 2020

Share on FacebookTweet about this on Twitter

La “Coppa Emilia” dei dialetti, a Busseto, il 15.2.20: modenese, parmigiano, piacentino e reggiano. “Cibo, cultura territorio” significa Italia

É sabato 15 Febbraio al Teatro Verdi di Busseto che si tiene la “Coppa Emilia” dei dialetti emiliani dei TraAttori. Un altra testimonianza sulla connessione tra cibo,territorio, cultura, creatività e uomo: un altro esempio che viene dal basso sulla valenza di un linguaggio coniugato con il cibo e i luoghi della storia italiana.

L’Associazione Culturale TraAttori, già nota al pubblico per vari lavori allestiti con successo (“L’Hostaria”, rappresentato al Teatro Monteverdi di Cremona, “Improvvisa-Mente”, da poco visto a Europa Teatri a Parma e “Free”, in programma al Teatro dei Filodrammatica di Piacenza per il 28 marzo), presenta, sabato 15 Febbraio sul palco del Teatro Verdi di Busseto, un mix esplosivo composta dall’improvvisazione e dalla forza dei dialetti emiliani.

Cibo, cultura orale, territorio

Per la prima volta ben 4 dialetti emiliani si sfideranno, a colpi di improvvisazioni: modenese, parmigiano, piacentino e reggiano dialogheranno sul palco, con gli attori: Gino Andreoli (MO), Mauro Incerti (RE), Isacco Lucchini (PR) e Valentina Faverzani (PC) in scena.

Con questo spettacolo, l’Associazione culturale, intende rinsaldare il legame con le tradizioni popolari, avvicinando il pubblico di tutte le fasce d’età a questa preziosissima forma di cultura orale. Il ricavato dello spettacolo verrà versato ad AVI Emilia Romagna Onlus, per sostenere la sua opera di sensibilizzazione e attuazione di stili di vita salutari.

Un’altra occasione per assaporare il dialetto piacentino:Sùpera e Sipari – Mangiare in piacentino sui colli piacentini

Un’altra iniziativa che mette al centro i dialetti piacentini si svolge nell’arco di sei mesi in diversi agriturismi del piacentino è Sùpera e Sipari – Mangiare in piacentino.

I 4 artisti protagonisti delle serate, chiamati ad intrattenere e divertire i commensali, sono Anna Botti, Mario Schiavi, Fabrizio Solenghi e Gianmarco Morbelli. Fumanti e squisite portate accompagnano racconti, poesie e canzoni, che in modo leggero, ma intelligente, spingono ad interrogarsi sulle radici della cultura piacentina, sulle storie e sulle curiosità che la caratterizzano.

Sùpera e Sipari: i prossimi appuntamenti

Gli appuntamenti successivi sono presso: Podere Illica a Borgo San Lorenzo di Castell’Arquato, Osteria Zia Valentina a Morfasso, Bassanine a Monticelli d Ongina, La Tosa a Vigolzone e Podere Casale a Ziano in loc. Vicobarone di Ziano P. no., tutte strutture che offrono la possibilità di presentare lo spettacolo al chiuso o all’aperto.

Il programma
22 Febbraio: Podere Illica – Borgo San Lorenzo di Castell’Arquato
21 Marzo: Osteria Zia Valentina – Morfasso
24 Aprile: Bassanine – Monticelli d’Ongina
9 Maggio: La Tosa – Vigolzone
Giugno (da definire): Podere Casale – Vicobarone di Ziano P.no.

Nella seconda edizione sono previste tappe anche nei castelli del Ducato di Parma e Piacenza collegati al circuito d’eccellenza del Mangiare Piacentino.

Potrebbe interessarti anche:


I macaròn fàt cón l’angùcia, pisarei e fasö, brachettone: conoscete davvero la cucina dei colli piacentini?

Quando Roberto Rossi, ideatore di Mangiare Piacentino, mi ha proposto di partecipare ad un press tour per conoscere i colli piacentini, non sapevo dove posizionare sulla cartina geografica Rivergaro, Agazzano o Ziano. In realtà non avrei saputo neppure elencare le specialità gastronomiche, al di là della coppa piacentina o della giardiniera. Ho scoperto diverse proposte, tutte buone e capaci di...I macaròn fàt cón l’angùcia, pisarei e fasö, brachettone: conoscete davvero la cucina dei colli piacentini? ultima modifica: 2019-09-08T22:30:31+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Gutturnio, il rosso dei colli piacentini. Tutto quello che c’è da sapere

Il Gutturnio, il rosso dei colli piacentini, è un vino conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Dal colore ammaliante, con sfumature che vanno dal rubino brillante alla porpora, ricorda...Gutturnio, il rosso dei colli piacentini. Tutto quello che c’è da sapere ultima modifica: 2019-05-28T20:57:56+00:00 da Monica Viani

Il Gutturnio, il rosso dei colli piacentini, è un vino conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Dal colore ammaliante, con sfumature che vanno dal rubino brillante alla porpora, ricorda i colori della viola e del ciclamino. La sua storia,...Gutturnio, il rosso dei colli piacentini. Tutto quello che c’è da sapere ultima modifica: 2019-05-28T20:57:56+00:00 da Monica Viani

Il Gutturnio, il rosso dei colli piacentini, è un vino conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Dal colore ammaliante, con sfumature che vanno dal rubino brillante alla porpora, ricorda i colori della viola e del ciclamino. La sua storia, tutta da scoprire, affonda le radici in un lontano passato; la sua produzione risponde ad un disciplinare e la sua...Gutturnio, il rosso dei colli piacentini. Tutto quello che c’è da sapere ultima modifica: 2019-05-28T20:57:56+00:00 da Monica Viani

La “Coppa Emilia” dei dialetti, a Busseto, il 15 febbraio 2020 ultima modifica: 2020-02-07T16:31:47+00:00 da Fabrizio Bellavista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *