Come faccio a vivere senza di te? Il supermercato al tempo del Coronavirus è il solo grande amore

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Lo so
So tutto non parlare più
Lo so che forse è meglio
Ma crederci non voglio
Non c’ero preparato
Ci vuole fiato a dirti
Addio

I Pooh avevano dedicato questi versi a una donna, gli italiani al supermercato. Che cosa faranno se il Governo imporrà restrizioni agli orari di apertura dei negozi?

L’emergenza Coronavirus impazza, ma gli italiani non sanno rinunciare a quella che sembra trasformarsi un un’ossessione: riempire i carrelli.

Sembriamo tutti impazziti! Non riusciamo proprio a rinunciare ad una lunga coda per entrare nel nostro “eden”. Secondo un’indagine Coldiretti/Ixè, nonostante gli inviti a stare a casa, quasi 1 italiano su 3 (30%) non resiste nemmeno 72 ore prima di uscire per fare la spesa in negozi, supermercati e alimentari. Perchè non concentrare la spesa se non in una giornata alla settimana, in due o al massimo tre?

Il supermercato al tempo del Coronavirus

Chissà quale racconto sarebbe uscito dalla penna di Kafka? Come avrebbe descritto le nostre case stracolme di provviste?

Gli alimenti maggiormente acquistati

  • Pasta, riso e cereali 26%
  • Latte, formaggi, frutta e verdura 17%
  • Prodotti in scatola 15%
  • Carne e pesce 14%
  • Salumi e insaccati 7%
  • Vino e birra 5%

Ragioniamo, sforziamoci di ragionare

  • Perché la gente non percepisce il pericolo di stare per molto tempo in fila o addirittura assembrati in gruppi?
  • Che cosa succederà alla filiera degli approvvigionamenti alimentari?
  • E la sicurezza di chi è costretto, e lo fa anche per senso del dovere, a stare alle casse o a fare consegne mentre noi lavoriamo da casa?

Non meritano questi quesiti una riflessione capace di indurci a cambiare comportamenti?

Potrebbe interessarti anche:


Solidarietà ai tempi del Coronavirus: le donazioni del mondo del food

Siamo in piena emergenza. non manca giorno che non sentiamo il grido d'allarme di medici, infermieri che chiedono di essere aiutati, rispettando le regole imposte dal Governo, ma anche per richiedere: ventilatori, mascherine, ambulanze,...Solidarietà ai tempi del Coronavirus: le donazioni del mondo del food ultima modifica: 2020-03-18T14:41:08+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


#Famedivero: la cultura del cibo, la sua dimensione simbolica ci salverà (anche dal Coronavirus!)

#Famedivero: la cultura del cibo Il cibo non è solo una necessità imposta dal nostro organismo, ha un significato che va oltre la lotta per la sopravvivenza. L'alimentazione è un...#Famedivero: la cultura del cibo, la sua dimensione simbolica ci salverà (anche dal Coronavirus!) ultima modifica: 2020-03-10T15:33:41+00:00 da Monica Viani

#Famedivero: la cultura del cibo Il cibo non è solo una necessità imposta dal nostro organismo, ha un significato che va oltre la lotta per la sopravvivenza. L'alimentazione è un atto conviviale, cibo e cultura sono indissolubilmente legati. Un importante momento...#Famedivero: la cultura del cibo, la sua dimensione simbolica ci salverà (anche dal Coronavirus!) ultima modifica: 2020-03-10T15:33:41+00:00 da Monica Viani

#Famedivero: la cultura del cibo Il cibo non è solo una necessità imposta dal nostro organismo, ha un significato che va oltre la lotta per la sopravvivenza. L'alimentazione è un atto conviviale, cibo e cultura sono indissolubilmente legati. Un importante momento che segna la nascita di ciò che oggi consideriamo enogastronomia è lo sviluppo dell'agricoltura che ha permesso l'approvvigionamento di scorte....#Famedivero: la cultura del cibo, la sua dimensione simbolica ci salverà (anche dal Coronavirus!) ultima modifica: 2020-03-10T15:33:41+00:00 da Monica Viani

Come faccio a vivere senza di te? Il supermercato al tempo del Coronavirus è il solo grande amore ultima modifica: 2020-03-20T15:27:12+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *