Antonia Klugmann direttore de La Cucina Italiana per un mese

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dopo Massimo Bottura e Davide Oldani, la direzione del numero di settembre de La Cucina Italiana è stata affidata alla chef triestina e stella Michelin Antonia Klugmann, ritratta in copertina da una fotografa, Monica Vinella, e con il contributo di un’altra donna, l’artista pakistana Sara Shakeel, diventata nota per le installazioni che impreziosiscono le immagini con diamanti virtuali.

Antonia Klugmann direttore de La Cucina Italiana per un mese

La Cucina Italiana, dal 1929 il mensile di cucina più autorevole e di lunga tradizione in Italia e nel resto del mondo, ha scelto come terzo chef dei 6 programmati fino a dicembre la chef italiana più conosciuta in Italia e all’estero. L’obiettivo della campagna è quello di promuovere la candidatura della tradizione culinaria italiana come patrimonio immateriale dell’umanità all’UNESCO.

Tra i numerosi contributor di prestigio ci sono Malcom Pagani, Andrea Grignaffini, Patrizia Re Rebaudengo, Camilla Baresani e Paolo Marchi. Le immagini sono di maestri della fotografia come Massimo Vitali, contributor di testate prestigiose, e Monica Vinella.

La copertina del numero di settembre vede pannocchie di mais tempestate di diamanti da cui emerge Antonia Klugmann. Il significato? Si sottolinea come la cucina sia legata al territorio, ai prodotti dei campi, alle erbe spontanee trasformate in ingredienti gourmet. La visione è green.

Nel numero trovano posto sia chef uomini che donne in una visione in cui uomini e donne collaborano insieme per la costruzione di una cucina italiana varia e aperta al mondo. Nel mese di settembre saranno coinvoltianche i canali social: da Instagram con interviste alla stessa Antonia Klugmann, Sara Shakeel e con cuochi, influencer e personaggi legati alla tematica green fino a Tik Tok, dove saranno proposte delle ricette con ingredienti di stagione.

E se questa iniziativa aiutasse a fare sì che la cucina regionale tanto apprezzata nel mondo diventasse la cucina italiana? Una cucina varia, ricca capace di essere l’ambasciatrice della nostra unicità nel mondo.

Potrebbe interessarti anche:


BeerGarden: come una birreria diventa un locale dove mangiare bene

Nuova apertura a Milano, la birreria BeerGarden. Amo la birra e la cultura della birra, come non andarci? Mi accoglie Fabrizio Fioretti, uno dei soci del locale. Ci sediamo nel dehors della birreria BeerGarden, inaugurata in ottobre in via Porro Lambertenghi, nel quartiere Isola di Milano. In una mano il blocco per gli appunti, nell'altra un cocktail di birra,...BeerGarden: come una birreria diventa un locale dove mangiare bene ultima modifica: 2018-12-13T10:18:32+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Boatta, il ristorante siciliano che non ti aspetti a Milano

La cucina è cultura. Esprime valori, tradizioni, territori, arte. Ogni interpretazione artistica ha i suoi interpreti. Gli chef, come i pittori o i musicisti, nelle loro creazioni mettono se stessi, le loro aspirazioni, le loro emozioni, le loro stravaganze. Un ristorante è il suo chef e i suoi piatti, ma è anche quello spazio che è la realizzazione di...Boatta, il ristorante siciliano che non ti aspetti a Milano ultima modifica: 2018-11-19T16:54:48+00:00 da Monica Viani

Antonia Klugmann direttore de La Cucina Italiana per un mese ultima modifica: 2020-09-09T11:20:51+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *